Con l’assistenza dei nostri legali l’ U.G.L. di Salerno cita in giudizio Telecom Italia. Associazione Consumatori - Alleanza Consumatori Salerno

venerdì 25 gennaio 2008

Con l’assistenza dei nostri legali l’ U.G.L. di Salerno cita in giudizio Telecom Italia.

La vicenda è simile alle tante che quotidianamente riguardano i consumatori della nostra provincia. Una bolletta esorbitante rispetto alla media dei consumi abituali dell’utente, una rapida scorsa al dettaglio dei costi e quindi l’amara sorpresa: gran parte di questi riguarda consumi che l’utente non ritiene assolutamente di aver fatto e di dover, quindi, pagare.
Spesso e volentieri il consumatore, troppo debole rispetto ai colossi che gestiscono il mercato della telefonia e spesso all’oscuro dei propri diritti, finisce, anche perché spaventato da più dannose conseguenze (sospensioni del servizio ecc..), per pagare anche quello che non ritiene dovuto.
Stavolta, però, Telecom ha fatto i conti senza l’oste.
Difatti la bolletta “sospetta” stavolta è stata recapitata non ad un utente sprovveduto bensì alla U.G.L. di Salerno, sindacato cui la nostra Associazione fa riferimento.
L’esborso inopportunamente richiesto (poco meno di 2000 euro, mica bruscolini…) si riferisce, sembra incredibile, ai consumi di un’altra utenza (di Frosinone, per la precisione…) che la Telecom, per motivi che risultano tutt’ora oscuri, ha pensato bene di addebitare ai malcapitati di turno.
Certamente si tratta di un errore, che, ovviamente, può capitare a tutti, Telecom compresa.
Quello che non dovrebbe capitare, ed invece sembra la prassi, è la difficoltà nel riuscire a rimediarvi.
Telecom, difatti, se pur tempestivamente informata di tale imprecisione, non ha mai provveduto a stornare le ridette somme né tanto meno a motivare sul perché i consumi di un utente di Frosinone debbano essere addebitati ad un altro di Salerno.
La routine vi è, pensiamo, nota.

Si inoltrano fax e raccomandate agli uffici preposti, ma si riesce sempre e solo a dialogare con gli sprovveduti (non per colpa loro) ragazzini del call center del 191 o del 187 (“Buonasera sono Franco, Giuseppe, Maria…ecc” ed ogni volta bisogna spiegare tutto daccapo…), mai ad avere un colloquio con un funzionario che abbia “nome e cognome” e che abbia seguito direttamente la pratica.
In genere, è difficile ottenere risposte che non siano le solite generiche rassicurazioni.
Si prova allora, se si ha l’assistenza di un legale che conosca la materia, ad avviare il tentativo di conciliazione obbligatorio per legge, nella speranza di riuscire in tal modo a dialogare finalmente con qualcuno dell’Azienda che possa risolvere il problema.
Spesso però, come nel caso di specie, l’organismo di conciliazione paritetica messo in piedi da Telecom gestisce le pratiche con una lentezza esasperante, senza riuscire a fissare una seduta nei tempi previsti (45 gg.) e nemmeno immediatamente oltre.
Alla fine l’unica soluzione, purtroppo, è quella di far partire l’atto di citazione e sperare che almeno la Giustizia operi meglio di Telecom.
Questa “battaglia” intrapresa dalla U.G.L. salernitana, con l’assistenza dei legali della nostra Associazione, è diretta non solo a far luce sulla vicenda enunciata, ma anche a dare un segnale a tutti i consumatori che si sono trovati o verranno a trovarsi in futuro nelle medesime condizioni.
Insomma, è possibile difendersi.
La nostra Associazione, grazie anche alla fattiva collaborazione della U.G.L. salernitana, è dunque a vostra disposizione per fornirvi consulenza su queste problematiche e può, grazie ai propri legali di fiducia, assistervi sia nella fase conciliativa sia in quella giudiziale con costi certi e ragionevoli.

Stampa - Aggiungi a preferiti


Articoli correlati per categorie



8 commenti:

Antonio ha detto...

Avete fatto benissimo....anche io ho avuto tantissimi problemi con telecom e non ho trovato assistenza e risposte....teneteci aggiornati e..speriamo bene

max ha detto...

Non dirlo a me...a causa di un "dialer" un'anno e mezzo fa ho dovuto pagare una bolletta assurda...e non hanno voluto sentire ragioni

Agropolese ha detto...

caro max, mi è successa la stessa cosa....ma hanno ragione a imporci di pagare 'sti soldi?..a me è sembrata tanto una fregatura

pausa pranzo ha detto...

vogliamo parlare di quanto ci mettono ad attivarti una nuova linea opppure l'adsl?....

Alice ha detto...

75 giorni 75 per alice 7 mega....Adsl veloce...ma non nell'attivazione....

Anti Telecom ha detto...

lentissimi...lentissimi....lentissimi....

consumatorre fregato ha detto...

anche io tra quelli fregati dai dialer....

marina ha detto...

teneteci informati sul prosieguo...